percorsi formativi

"Cosa ci può insegnare il '68?"

MERCOLEDI' 8 OTT0BRE alle ore 16.30 presso il salone OBLATI DI SAN GIUSEPPE in c.so Alfieri ad Asti

La sala degli Oblati di Asti ha radunato mercoledì scorso un folto gruppo di docenti per seguire la conferenza del prof. Burlando sul tema “Cosa ci può insegnare il ’68?”. Le associazioni promotrici dell’iniziativa: AIMC; UCIIM; FISM;UFFICIO PASTORALE SCOLASTICA, non hanno voluto riunirsi per “celebrare il 68” ma organizzare un convegno di apertura dell’anno scolastico che fosse motivo di riflessione ad approfondimento su problemi tutt’altro che “superati” in quarant’anni. Il relatore, docente di politica Economica all’Università di Torino, alla Facoltà di Scienze Politiche, presso il Dipartimento di Economia, dopo una significativa analisi della società e dell’economia attuali, ne ha evidenziato riduttivismo, relativismi e fondamentalismi. Le considerazione evidenziate dal docente circa cecità educativa, rigidità, in contrasto con permissivismo e felicità fasulle hanno creato un parallelo tra passato e presente. Sentiamo ancora il desiderio di autenticità suscitato dal movimento del 68? Si stanno riproponendo eventi storico - sociali simili? Se ormai tutto è mercato, anche affetti ed amicizia, forse più che quaranta anni fa…parlare di valori come guida dell’esistenza diventa prioritario per chi opera in campo educativo, e non solo. Anche per chi si occupa di economia ed alta finanza diventa necessario “ripensare le regole”: la vera eudemonia (felicità) dell’uomo in cosa consiste realmente? Positivo ed incoraggiante il commento del Vescovo, Mons. Francesco Ravinale, presente all’incontro. E’ stata offerta ai presenti la sua lettera pastorale rivolta alla Diocesi, dopo la bella messa comunitaria per famiglie e personale della scuola astigiana.

approfondimenti